Cattedrale di Palermo

Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele, Palermo

Edificata nello stesso luogo in cui inizialmente esisteva una chiesa bizantina prima ed una, moschea araba poi, la costruzione della cattedrale di stile arabo normanno ha inizio nel 1184-1185 ed ha subito numerosi interventi nel tempo. Il portico in stile gotico-catalano del 1453 finemente decorato, è composto da tre arcate chiuse da due torrette, sulla prima colonna di sinistra, è ben visibile un’iscrizione coranica , il portale magistralmente intagliato dal Gambara risale al 1400, ed è una combinazione di gotico, barocco e normanno, ma gli interventi più radicali vennero effettuati da Ferdinando Fuga tra fine ‘700 e primi ’800, che fece erigere la cupola disomogenea rispetto al resto della costruzione e distruggere le pareti laterali ed il soffitto ligneo. Di notevole rilievo al suo interno sul lato sinistro, le tombe dei re normanni Ruggero II, della figlia Costanza d’Altavilla madre di Federico II e di quest’ultimo e della moglie Costanza d’Aragona , a destra l’altare di Santa Rosalia con le reliquie della patrona della città racchiuse in una teca d’argento , alla destra di questo è possibile accedere al tesoro della cattedrale ricco di calici, ostensori e della splendida corona di Costanza d’Altavilla. Di notevole importanza anche la cripta che conserva le tombe dei vescovi e dei re normanni.